La purezza della natura

LE PIANTE
ayurvediche

Dalla natura Vedica seleziona solo il meglio per garantire la qualità e la purezza delle piante officinali. La raccolta delle centinaia di specie di piante officinali delle nostre formulazioni viene fatta da esperti nelle dense foreste dell’India con processi che rispettano i tempi, i modi e le procedure descritte negli antichi testi ayurvedici.

Ogni pianta viene raccolta con attenzione e cura al momento ideale, per ottenere il massimo beneficio dal suo estratto.

Le proprietà della Natura sono racchiuse in estratti secchi puri al 100%. Grazie al processo di essicazione Spray Dry gli estratti mantengono tutti i benefici della pianta al loro massimo grado di purezza. Gli estratti utilizzati da Vedica Cosmetics non sono mai frutto di una sola pianta, bensì una sinfonia di piante e specie diverse per creare l’equilibrio perfetto.

Vedica attualmente utilizza più di 300 estratti differenti tra piante intere e singole parti di esse.


Le piante

I processi di riequilibrio attivati dalle sinergie di piante ayurvediche in maniera gentile, sostengono l’intera fisiologia. Il corpo è di per sè una grande fonte di in grado di autoprodurre tutti i rimedi occorrenti. 

Il cosmetico ayurvedico è formulato affinchè l’organismo venga stimolato a produrre i rimedi necessari per il ripristino dell’equilibrio cutaneo. 

Trasmettono gli impulsi giusti per ripristinare il flusso dell’intelligenza naturale del corpo con il risultato di contrastare l’inestetismo e prevenire la sua ricomparsa. 

Quando la sequenza è intatta, l’innata intelligenza fluisce e i dosha tornano in equilibrio. Il ripristino della salute ne è l’effetto finale.

Acacia catechu

Ampiamente utilizzata in numerose preparazioni tradizionali ayurvediche, questa pianta originaria della zona del Borneo svolge un’azione pacificante sia su Kapha che su Pitta. Ha importanti proprietà astringenti e lenitive. Nome comune: Acacia Catechu Nome Sanskrito: Kadhira
Acacia catechu

Aegle marmelos

Reperibile in tutta l’India, a partire dalle zone sub-himalayane, questa pianta è antibatterica, rinfrescante, nutritiva per i tessuti, stimolante e detossinante. Agisce su Vata e Kapha. Nome comune: Melo del Bengala Nome Sanskrito: Bilva
Aegle marmelos

Albizia lebbeck

Comune in tutta l'India, l'azione di questa pianta è volta a pacificare i tra Dosha. Inoltre, presenta importanti proprietà purificanti e detossinanti, ma anche astringenti. Agisce in profondità stimolando la produzione di collagene. Nome comune: Albizia Lebbek Nome Sanskrito: Sirisha
Albizia lebbeck

Azadirachta Indica

Nativo dell’India e della Birmania, il Neem è una pianta dalle proprietà astringenti, lenitive, emollienti, purificanti. Inoltre, contrasta la formazione di batteri a livello superficiale. Agisce su Pitta Nome comune: Neem Nome Sanskrito: Nimba
Azadirachta Indica

Bacopa Monnieri

Conosciuta anche come Brahmi, questa pianta è nativa sia dell’India che della Cina. In Ayurveda è considerata un Rasayana. Tra le sue proprietà troviamo l’essere drenante, astringente, antiossidante e fortificante per la fisiologia. Agisce su Vata e Kapha. Nome comune: Bacopa Nome Sanskrito: Brahmi
Bacopa Monnieri

Boswelia serrata

Questa specie particolare di Boswelia è nativa dell'India ed è nota per la resina che essuda, la quale ha proprietà antibatteriche, lenitive, tonificanti ed emollienti. È adatta nei casi di rigidità delle articolazioni. Agisce su Pitta e Kapha. Nome comune: Incenso di Olibano Nome Sanskrito: Kunduru
Boswelia serrata

Cedrus deodara

Il cedro dell'Himalaya è nativo del versante occidentale della catena himalayana. È astringente, detossinante, contrasta la formazione di batteri e coadiuva l'eliminazione di liquidi e tossine. Agisce su Vata e Kapha. Nome comune: Cedro dell'Himalaya Nome Sanskrito: Devadaru
Cedrus deodara

Centella asiatica

Si tratta di una pianta ampiamente utilizzata nella tradizione ayurvedica grazie alle sue numerose proprietà volte a pacificare tutti i Dosha. Ristruttura, stimola la produzione di collagene e il microcircolo sanguigno, idrata, nutre, leviga e lenisce. Nome comune: Centella Nome Sanskrito: Mandukaparni
Centella asiatica

Citrus medica

Originaria della zona sud-orientale dell’Asia, questa pianta è oggi reperibile anche in Europa. L’ olio essenziale che ne deriva è altamente stimolante per la fisiologia e favorisce l’eliminazione delle tossine dal corpo. É considerata una pianta Tridoshica. Nome comune: Nome Sanskrito:
Citrus medica

Cocos nucifera

Olio di cocco. Coltivata largamente nella parte meridionale dell'India, questa pianta viene usata in Ayurveda in tutte le sue parti. L'olio che se ne ricava ha proprietà rinfrescanti, nutrienti, emollienti e antibatteriche. Ha un grande potere calmante su Pitta. Nome comune: Palma da cocco Nome Sanskrito: Naarikela
Cocos nucifera

Convolvulus pluricaulis

Questa pianta perenne originaria dello stato del Bahir in India, è tradizionalmente considerata un Rasayana. Rinfrescante e nutriente, la letteratura ayurvedica la classifica come pacificante di Kapha e Pitta in eccesso. Nome comune: Nome Sanskrito:
Convolvulus pluricaulis

Crocus sativus

Lo Zafferano è una pianta estremamente pregiata e di grande importanza nella tradizione ayurvedica. Il suo utilizzo sulla pelle favorisce l’uniformità del colorito attenuando le discromie, contrasta la formazione di radicali liberi, tonifica, compatta e purifica la pelle. È una pianta tridosha. Nome comune: Zafferano Nome Sanskrito: Kumkuma
Crocus sativus

Curcuma longa

Ampiamente coltivata in tutta l’India, questa pianta, di cui principalmente si impiega la radice, è considerata l’ oro delle spezie per la sua preziosità. Le sue proprietà antisettiche, lenitive, antiossidanti, depurative, detossinanti sono state ampiamente dimostrare anche dalla scienza moderna. Svolge un’importante azione di eliminazione delle tossine e di coadiuvate de nel nutrimento dei tessuti e ristrutturazione cutanea. Agisce su tutti e tre i dosha. Nome comune: Curcuma Nome... Leggi tutto
Curcuma longa

Cyperus rotundus

Ampiamente presente nelle pianure indiane, specialmente nel sud della penisola, lo Zigolo ha qualità rinfrescanti e lenitive. È astringente e agisce profondamente su Pitta ma anche su Kapha. Nome comune: Zingolo Infestante Nome Sanskrito: Musta
Cyperus rotundus

Desmodium gangeticum

L’habitat di questa pianta è la parte bassa della catena himalayana e le pianure dell’India. Ha proprietà astringenti e tonificanti. I testi antichi la descrivono come una pianta tridoshica. Nome comune: Desmodium Gangeticum Nome Sanskrito: Shalaparni
Desmodium gangeticum
Vedica srl   |   Viale dell’Industria 45 - 37042 - Caldiero (VR)   |   P. IVA 03768110235   |   Tel. +39 0459233260   |   Credits   |   Privacy Policy|   Cookie Policy